Profili di Epistemologia giudiziaria

Nel volume, il processo è individuato quale luogo di verbalizzazione dell'esperienza e la concezione semantica della verità viene riconosciuta come la più idonea per mantenere la neutralità epistemologica del processo nel suo svolgersi per la ricostruzione del fatto controverso, il cui conseguimento è funzionale all'emanazione di una sentenza giusta.Dopo aver quindi presentato le opzioni legislative per la disciplina di quel sistema di conoscenza in cui si sostanzia qualunque attività giurisdizionale (civile, penale o amministrativa), si procede alla delineazione della concezione dialettica della prova e al chiarimento che la distinzione fra quaestio facti e quaestio iuris ha carattere metodologico ed è attuata all'interno di un contesto unitario, da cui può di volta in volta emergere solo una diversa proporzione tra gli atteggiamenti, comunque presenti, della constatazione e della valutazione giuridica.Si esamina quindi la struttura della prova, definendone le diverse accezioni in ottica epistemologica e illustrando l'uso giudiziario delle massime d'esperienza e delle leggi tanto logiche quanto scientifiche, nonché differenziando la prova in senso stretto dall'indizio.Infine, il fenomeno probatorio viene studiato nella prospettiva dinamica di procedimento volto ad acquisire gli strumenti conoscitivi non vietati dalla legge, pertinenti e rilevanti, sulla cui base il giudice possa compiere le scele decisorie, esponendo le regole che per giungere a queste egli deve osservare.

Autore: 
Giulio Ubertis
Pubblicato nel: 
2015
Tradotto in spagnolo da:
con il titolo: Elementos de epistemologia del proceso judicial