Sermones V-VIII

Dopo la pubblicazione dei primi quattro Sermones di una delle voci più originali dell’Umanesimo accademico di fine Quattrocento, prosegue in questo volume l’edizione e la traduzione delle prolusioni accademiche di Antonio Urceo Codro (1446-1500), precursore, dalla sua cattedra di greco all’Alma Mater Studiorum, dei più grandi moralisti dell’Europa moderna. A lezioni di carattere didascalico sull'importanza delle categorie aristoteliche (Sermo V) e sull’utilità della letteratura greca e la grandezza di Omero (Sermones VII e VIII) fa da contraltare, come da costume del maestro, quella scettica e modernissima sul carattere fallace di ogni conoscenza umana (Sermo VI).

Autore: 
Antonio Urceo Codro
Pubblicato nel: 
1502
Tradotto in italiano da:
con il titolo: Sermones