Theodahad

Teodato non faceva parte dei piani di successione di Teodorico. La sua nomina inattesa a coreggente da parte di Amalasunta, sua cugina, lo trascinò negli intrighi della corte gotica. Tuttavia, una volta sul trono d’Italia, le sue carenze in materia politica e militare lo resero un sovrano pericolosamente incompetente. Sconfitto dall’imperatore Giustiniano, Teodato venne presto assassinato.
In Theodahad, Massimiliano Vitiello investiga rigorosamente le antiche fonti per ricostruire gli eventi della vita di Teodato e il contesto della diplomazia e degli intrighi politici del VI secolo. Offrendo il ritratto di una figura contrastante, il cui regno ha avvicinato la fine dell'Italia ostrogota, il testo di Vitiello non si limita a riscoprire gli aspetti biografici di Teodato ma offre anche un nuovo sguardo sul mondo mediterraneo del VI secolo.

 

Autore: 
Massimiliano Vitiello
Pubblicato nel: 
2014
Tradotto in italiano da:
con il titolo: Teodato