Contributi

Il SEPS non fornisce alcun giudizio sulla qualità scientifica delle opere per le quali viene richiesto un contributo per la traduzione, ma garantisce una risposta (positiva o negativa) all’editore che inoltra la domanda.

Per poter fornire una pronta e puntuale risposta agli editori vengono contattati i maggiori esponenti scientifici del settore, che siano in grado di poter elaborare in tempi ragionevoli un parere in merito ai testi.

Il SEPS si rivolge ad un grande numero di docenti (ad oggi oltre 80), tutti di chiara fama, in base alla loro competenza specifica a seconda del progetto richiesto. La carriera accademica di tali docenti certifica la qualità scientifica del parere.

I pareri vengono forniti secondo la logica della blind peer review, seguendo uno schema omogeneo, le cui caratteristiche sono indicate nel documento allegato.

Se i pareri della prima valutazione scientifica da parte dei referee sono positivi, il testo viene esaminato da una Commissione, presieduta dal Presidente del SEPS, che analizza la congruità della richiesta, le competenze dell’editore, il catalogo dello stesso, il curriculum del traduttore scelto etc. ed in virtù di una seconda valutazione tecnico-amministrativa, decide se deliberare o meno il contributo e l’entità dello stesso. Tali decisioni sono sottoposte all’approvazione ed alla ratifica del Consiglio di Amministrazione del SEPS.

All’editore beneficiario di contributo SEPS viene inviato uno specifico accordo relativo alla concessione dello stesso, con le specifiche inerenti alla stampa del logo SEPS e del ringraziamento da stampare all’interno del libro tradotto.

Il contributo SEPS per la traduzione di un’opera di saggistica risultata meritevole viene erogato all’editore successivamente alla pubblicazione del libro, tramite bonifico bancario sulle coordinate indicateci dall'editore beneficiario.

AnteprimaAllegatoDimensione
elementi_scheda_referee.pdf30.96 KB
elementi_entita_contributo.pdf24.6 KB